FORUM Associazione A.M.C. - Leggi argomento - Trattamento Keraflex

 




Rispondi all’argomento  [ 24 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Trattamento Keraflex 
Autore Messaggio
Messaggio Trattamento Keraflex
Ho trovato questo date un'occhiata e poi ditemi cosa ne pensate.

http://stage.bsnews.it/notizia/12249/04 ... ed_Avedro_

Se davvero funzionasse potrebbe essere davvero la cura che stavamo aspettando!!


martedì 31 gennaio 2012, 18:18
Socio AMC
Socio AMC
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 18 febbraio 2011, 13:52
Messaggi: 743
Località: TOSCANA
Messaggio Re: Trattamento Keraflex
Ciao Lory,non ti sfugge mai niente,
ti ringrazio per l'informazione e ho già letto tutto , ho provato anche a metterci il seguente commento pensando di ricevere una risposta, ma non è possibile tecnicamente,tu ci sei arrivata per caso ?

Sembrerebbe l'uovo di Colombo, e ben venga per tutti noi Kconici che aspettiamo da sempre la risoluzione alla nostra malattia.
Una riflessione, quanta sperimentazione è stata fatta sull'uomo di questa nuova tecnologia e tecnica applicativa ?
Quali risultati ?
Grazie.


Un salutone.
MASSIMO
:OL:

P.S. DOPO AVER FATTO QUESTO POST, HO TROVATO INDIRIZZO E-MAIL E HO SCRITTO SE MI RISPONDONO VI INFORMO.

_________________
MASSIMO
( Lyon )


CHERATOCONO


martedì 31 gennaio 2012, 18:34
Profilo
Nuovo iscritto

Iscritto il: giovedì 29 maggio 2008, 17:36
Messaggi: 4
Messaggio Re: Trattamento Keraflex
Spero per tutti che possano renderlo attuabile il prima possibile se funziona seriamente :?:
ciao
OK


martedì 31 gennaio 2012, 18:51
Profilo
Affezionato
Affezionato

Iscritto il: mercoledì 30 maggio 2007, 23:56
Messaggi: 641
Località: Cuneo
Messaggio Re: Trattamento Keraflex
ne avevamo già parlato qui.....
viewtopic.php?f=7&t=3012

ma mi sa che non sarà ancora la svolta :(
è, come tutte le altre tecniche (eccetto il trapianto), non definitiva nella durata...ammesso che possa portare miglioramenti refrattivi e di stabilità

_________________
Betty74
CHERATOCONO


martedì 31 gennaio 2012, 19:05
Profilo
Messaggio Re: Trattamento Keraflex
Scusate la lunghezza e il fatto che sia in inglese ma questa è la brochure del trattamento Keraflex.
Credo potrebbe chiarire le idee.
Io l'ho trovata paricolarmente interessante.


20-20 Vision Perfection
Tel: 0161 907 2685 Email: enquiries@20-20visionperfection.co.uk
Keraflex and accelerated crosslinking patient information leaflet 25th March 2011 Version 3
Patient information Leaflet
Keraflex (Microwave Thermoplasty) for the correction of Keratoconus)
Keraflex® KXL is currently CE marked and licensed for use in Europe for the treatment of keratoconus (KC), a degenerative disorder which causes the cornea to thin and bulge from its natural state to a conical shape resulting in distortion of vision. There are limited therapeutic options currently available for treating KC. Upto 10% will require corneal transplantation. There is no currently established treatment option for high diopter refractive correction among KC patients, other than corneal transplantation and now, keraflex.
On average, the onset of KC begins in the mid teens. The disorder afflicts millions of teens and young adults around the world, severely affecting their visual acuity and often requiring corneal transplants. In the UK, over 30000 people are affected by keratoconus with approximately 500 undergoing corneal transplantation annually. Corneal transplants may take upto 18 months for full visual recovery and approximately 40 percent will require a regraft within 10 years.
Keraflex is a new thermokeratoplasty procedure used for the treatment of keratoconus. The Keraflex procedure uses microwave energy delivered in a small annulus to the corneal mid-periphery. This procedure flattens the cone and helps to regularise the cornea. By combining the procedure with a modified collagen crosslinking procedure there is a marked improvement in the stability of the eye.
Clinical results suggest Keraflex KXL flattens the protruding cone of keratoconus and makes the irregular cornea smoother, thereby improving visual acuity. Adjunctive selective collagen cross linking enhances the induced refractive effect as well as stabilize the keratoconic cornea.
In addition improved visual acuity, Keraflex KXL holds the potential to increase tolerance to contact lens wear and to improve vision correction with glasses among KC patients. Further, this non-invasive procedure will ultimately help keratoconus sufferers, with no alternative therapeutic options, avoid corneal transplants.
During a Keraflex® procedure, the Vedera™ KXS delivers a single low energy microwave pulse lasting less than one second. Energy is applied to the cornea using a dielectrically shielded microwave emitter which contacts the epithelial surface. Through capacitive coupling, the single pulse raises the temperature of the selected region of corneal stroma to approximately 65°C, shrinking the collagen and forming a toroidal lesion in the upper 150 microns of the stroma.
Using an evaporative cooling technique (patent pending), the Vedera KXS cools the surface of the cornea during the treatment to isolate and protect Bowman’s membrane from the thermal effects of the microwave energy.
Accelerated Crosslinking
At 20-20 Vision Perfection we are proud to say that we are amongst the world leaders in the treatment options for keratoconus. We have the UK’s first Keraflex treatment and accelerated crosslinker.

Collagen crosslinking has been used for almost a decade to arrest the progression of keratoconus by ‘hardening’ the cornea. Today, over 50000 procedures are performed annually, with our experience growing every year.
We all know that keratoconus is a progressive condition affecting the cornea of the eye. The cornea is the clear window at the front of the eye. It is a curved structure allowing it to act as a lens and focus an image onto the retina. In keratoconus, the cornea loses the normal chemical links between collagen strands, causing the cornea to be unusually elastic. The pressure inside the eye then pushes the cornea into a distorted, conical shape. The cornea moves from being a smooth curvature like a football to a distorted shape, similar to a rugby ball. This distorts the quality of the image projected into the eye, and the vision becomes progressively blurred.
The idea behind crosslinking the cornea is to prevent progression of the keratoconus to a stage that corneal transplantation will be required. Anyone with progressive keratoconus is potentially suitable. Patients with very advanced keratoconus or whose vision is already spoiled by scarring will usually not be good candidates for the procedure.
What are the intended benefits of Collagen Crosslinking?
 Enhance corneal rigidity
 Increase the corneal resistance and biomechanical stability of the cornea
 Prevent progression of keratoconus
 May defer the need for a corneal transplant procedure
 May reduce the nearsightedness and astigmatism associated with keratoconus
 Enhance contact lens wear
 Reduce risk of progressive keratoconus after laser vision correction
What is Accelerated Crosslinking?
Traditionally, Collagen Crosslinking for keratoconus treatment is a painless, out-patient procedure. It is performed under topical anaesthesia. The skin of the eye (epithelium) is removed. Riboflavin eye-drops are applied to the cornea for 30 minutes. The eye is then bathed in a very specific wavelength of light-UVA for 30 minutes. The combination of the light and riboflavin causes chemical bonds to form within the cornea, increasing its rigidity and stability.
The whole process traditionally takes about 90 minutes. A protective soft contact lens is worn for about 24 hours, and eye drops need to be instilled to limit the risk of infection and corneal haze.
The accelerated crosslinking mirrors the procedure above bur differs and benefits patients in 2 ways:
1. Reduces cross-linking time from one-hour to a few minutes, adding to patient comfort and experience
2. More importantly, accelerated crosslinking allows thinner corneas to be crosslinked with greater precision, potentially decreasing the risks associated for crosslinking. In effect those patients outside current treatment criteria can be crosslinked and receive the same benefits as below.
The procedure is extremely safe, and no sight-damaging complications have been reported.

How is the Keraflex procedure performed?
Keraflex procedure takes in total less than 30 seconds to perform. There is no cutting or blades involved in this procedure. The actual corneal reshaping takes less than a second. The procedure is undertaken under topical anaesthetic, under aseptic techniques. Following the procedure, debris on the surface of the eye is removed and a protective contact lens placed on the surface to help with healing. You will be given antibiotic drops to take and some painkillers for any discomfort.
What do you expect after the procedure?
You will very likely have blurred vision until the Keraflex settles down. You may even experience discomfort with lights, see a white ring on the cornea (Keraflex ring), or suffer some discomfort/pain which typically will last 24-48 hours.
After 7-10 days, you will come back to clinic and get rescanned. If there is a significant benefit from the scan then we will recommend cross-linking. However, you will unlikely notice any major benefit in vision at this stage.
Accelerated crosslinking after Keraflex.
A brief description of the crosslinking procedure is given above.
Firstly, the cornea is anaesthetised. This is done by placing drops in your eyes. Whilst this is being done, antibiotics are applied to the eyes to fight infection. Once the eye is anaesthetised, a special surgical instrument is used to dislodge the cells on the surface of the cornea. Once these cells have been dislodged, drops of vitamin B2 (Riboflavin) are applied to the eye every few minutes for approximately 10 minutes. Once the surgeon is satisfied that sufficient riboflavin has been absorbed by the cornea, the light treatment can begin. This treatment will last a total of 3 minutes. The riboflavin that was applied earlier on in the procedure will now ensure that the cornea absorbs the UVA light. Once the operation is finished a protective lens will be fitted to the eye and further antibiotics applied. This protective lens will need to be kept in place for 1 – 2 days.

The UVA light that the cornea absorbs during the treatment causes cross-linking. The cross-linking that takes place after the exposure to the light will take place over the few days following the operation. Once the cross-linking has taken place it will then take a little longer for the cornea to begin flattening.
What is involved after the operation?
After a few days you will need to return to have the protective contact lens removed. After this your eye care professional will give you eye-drops to be taken for the following few weeks. Following this we simply recommend that you continue to have annual visits to your optometrist as you did before your operation.
What are the risks involved with CXL?
As with any operation, there are some risks. During the CXL procedure the surface of the cornea is dislodged. This opens up the possibility of infection. We manage this risk by applying antibiotics both before and after the procedure, but there is always still a small risk. There are also cases where the cornea becomes hazy and may interfere with your vision. This usually settles. Ultimately, with any new innovation, we cannot tell you long-term risks of CXL. However, with 13 years experience we have experienced no long-term adverse effects. In terms of the Keraflex, once the white outline of the ring disappears there maybe only some residual scarring of the cornea. Keraflex uses similar technology as a procedure called Conductive keratoplasty, so we anticipate that the Keraflex will have no long lasting effects other than what is discussed. In fact the reason for crosslinking the cornea after the Keraflex is that we know that the effects of Keraflex will wear off if we don’t.
Can using UV light for cross-linking cause any harm?
The UVA light that is used in this procedure is measured very closely. The light that causes harm in sunlight is UVC. The light that is emitted by the cross linker device is completely harmless.
Before each treatment the UVA light is very carefully measured and checked. The machine itself also performs many safety checks to ensure the patients safety. In the past, there have been concerns that the UVA light may cause damage to the retina. These concerns are no
longer valid as the riboflavin in the cornea absorbs all of the UVA light before it gets to the retina. However, we will not know the long-term risks that may occur in 20-30 or 40 years. Our experience with this procedure is improving and it appears that it is safe.
What can you expect after the Keraflex and crosslinking?
It is hoped that Keraflex will reshape the cornea and crosslinking hold the shape. This will allow patients to achieve improved vision ideally without aids, but in certain cases patients will find glasses or soft contact lenses will improve the residual left after Keraflex. Optimum effect occurs over 3 months but most patients begin to see the improvement after 2-3 weeks.
What other options do I have?
This really depends on the degree of keratoconus, compliance with contact lenses and self-motivation. Options include: contact lenses, spectacle correction, INTACS and as a last resort corneal transplantation. We would be happy to discuss these options if you feel that they these would be useful to you.


mercoledì 1 febbraio 2012, 12:25
Nuovo iscritto

Iscritto il: mercoledì 14 dicembre 2011, 16:22
Messaggi: 16
Località: Reggio Emilia
Messaggio Re: Trattamento Keraflex
grazie Lory!
Ho letto ma (forse complice la mia "ottima" conoscenza dell'inglese) ho molta confusione....

mi sembra di aver capito che abbinano il keraflex al cross-linking accelerato...
"Accelerated crosslinking after Keraflex."

prima col Keraflex ti "cuociono" lo stroma a 65° (con microonde anziché raggi UV) formando una sorta di anello di collagene indurito termicamente, giusto??
(suppongo con una funzione similare agli intacts)
"The Keraflex procedure uses microwave energy delivered in a small annulus to the corneal mid-periphery."
"the single pulse raises the temperature of the selected region of corneal stroma to approximately 65°C, shrinking the collagen and forming a toroidal lesion in the upper 150 microns of the stroma"


E poi dopo, col "cross-linking accelerato" eseguono la stessa procedura del cross-linking, con rimozione dell'epitelio ed instillazione di riboflavina, ma riducendo i tempi di posa x la riboflavina e per gli UV,
"The accelerated crosslinking mirrors the procedure above"
"drops of vitamin B2 (Riboflavin) are applied to the eye every few minutes for approximately 10 minutes.Once the surgeon is satisfied that sufficient riboflavin has been absorbed by the cornea, the light treatment can begin. This treatment will last a total of 3 minutes."


e le due pratiche dovrebbero agire in sinergia appiattendo la cornea e stabilizzandola....
"It is hoped that Keraflex will reshape the cornea and crosslinking hold the shape."
....o almeno così sperano!.... :roll:

ultimo dubbio...perché questa pratica può andare bene anche per spessori ridotti di cornea e riduce i rischi del CL??
"accelerated crosslinking allows thinner corneas to be crosslinked with greater precision, potentially decreasing the risks associated for crosslinking. In effect those patients outside current treatment criteria can be crosslinked and receive the same benefits as below."

corregetemi se ho capito male.....chiarimenti son ben accetti! tk


martedì 20 marzo 2012, 18:05
Profilo
Messaggio Re: Trattamento Keraflex
Ciao Dafne, la cosa che si deve considerare, e che i due tipi di trattamenti non sono simultanei.
La prima fase consiste come hai detto tu nel riscaldamento, dello stroma corneale fino a 65 gradi e interessa la cornea fino a 15o micron.
A questo punto la cornea viene modellata, e viene messa una lente a contatto che si dovrà portare per qualche giorno.
Dopo circa 15 giorni, se la cornea ha risposto bene al trattamento ed ha mantenuto la nuova forma data con il precedente trattamento, viene fatto il cross, ma senza rimozione dell'epitelio.
Credo possono essere trattati anche casi più gravi poichè nel rimodellare la cornea si và ad appiattirla e quindi si dà spessore anche ai coni avanzati.
Ovviamente questo è una mia riflessione.
Quindi si tratta di due trattamenti separati. Uno per ridare forma alla cornea, il secondo per permettere alla cornea di mantenere il risultato ottenuto.
Ora sinceramente, non conosco l'efficacia del trattamento, però, l'idea in teoria non è male.


martedì 20 marzo 2012, 18:50
Nuovo iscritto

Iscritto il: mercoledì 14 dicembre 2011, 16:22
Messaggi: 16
Località: Reggio Emilia
Messaggio Re: Trattamento Keraflex
sì, che son conseguenziali e non contemporanee l'avevo inteso e la tua spiegazione mi sembra corretta, "shrinking" (contraendo, facendo ritirare) secondo me un po' come la plastica col fuoco...
però parlano di "forming a toroidal lesion in the upper 150 microns of the stroma."
un "toro" é appunto assimilabile ad un cerchio...

e questa parte, sì, viene fatta senza rimozione dell'epitelio...
ma la seconda fase, di stabilizzazione tramite il CL "accelerato", c'é scritto che rispecchia la procedura tradizionale....

comunque, in linea di massima mi sembra di aver capito! :wink:
...ma é ancora sperimentale??


mercoledì 21 marzo 2012, 11:45
Profilo
Messaggio Re: Trattamento Keraflex
Ciao Dafne, questo trattamento, a quanto ne sò, è eseguito in Inghilterra, in Italia, a quanto pare, l'unico caso trattato è stato quello del dott Pinelli a Brescia.
Di altri casi non si hanno notizia.
Che sia un trattamento sperimentale, mi sembra quanto meno, ovvio, però l'idea in sè del rimodellamento della cornea è interessante e mi ha affascinato.
Ora capire da chi e dove sia praticato in Italia, sarebbe quanto meno interessante. :-)


mercoledì 21 marzo 2012, 12:46
Nuovo iscritto

Iscritto il: mercoledì 14 dicembre 2011, 16:22
Messaggi: 16
Località: Reggio Emilia
Messaggio Re: Trattamento Keraflex
eh, sì, perché non si limita a rallentare il problema ma migliora anche la situazione!

...vedremo che accadrà in futuro...e in Italia...

tk


mercoledì 21 marzo 2012, 13:24
Profilo
Utente attivo
Utente attivo
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 9 luglio 2007, 23:14
Messaggi: 85
Messaggio Re: Trattamento Keraflex
Mi pare di capire che questo intervento sia una sorta di rivulcanizzazione della cornea, tipo quella che si esegue sui pneumatici! :wink:

Non so se sia la soluzione al nostro problema, però pensare che medici e tecnici si stanno impegnando a trovarne una soluzione, un pò mi rassicura.


mercoledì 28 marzo 2012, 12:01
Profilo
Affezionato
Affezionato

Iscritto il: mercoledì 30 maggio 2007, 23:56
Messaggi: 641
Località: Cuneo
Messaggio Re: Trattamento Keraflex
ma in italia qualcuno lo pratica?

_________________
Betty74
CHERATOCONO


mercoledì 28 marzo 2012, 18:14
Profilo
Socio AMC
Socio AMC
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 18 febbraio 2011, 13:52
Messaggi: 743
Località: TOSCANA
Messaggio Re: Trattamento Keraflex
purplemike ha scritto:
Mi pare di capire che questo intervento sia una sorta di rivulcanizzazione della cornea, tipo quella che si esegue sui pneumatici! :wink:
.
:arrow:
Si !
mi associo anch'io alla tua definizione , " vulcanizzazione " ,DETTO TERRA TERRA MA MI SEMBRA PROPRIO CODESTA LA PAROLA GIUSTA !
Come già vi avevo scritto nel mio precedente post avevo scritto e-mail alla Clinica di Brescia e dopo molti giorni mi è arrivata la risposta che vi passo di seguito ( l'avevo inviata a qualcuno ma adesso mi sfugge )

Gentile Signor Cresci,
mi scuso per il ritardo nella risposta; La ringrazio per l’interesse rivolto al nostro Istituto, che da anni si occupa di ricerca sul cheratocono e relativi trattamenti. Il trattamento Keraflex, a cui Lei è interessato, rappresenta un’assoluta novità nel campo ed è tanto più importante in quanto si tratta di una procedura non invasiva.

La sperimentazione del trattamento sull’uomo è iniziata circa due anni fa; ad oggi si sono sottoposti ad esso alcune centinaia di pazienti con esito soddisfacente.

E’ evidente che, trattandosi di una procedura di recente introduzione, il follow-up a disposizione è ancora ad una fase iniziale. È stato riscontrato dalla maggior parte dei pazienti, nella fase di assestamento immediatamente successiva all’intervento, un leggero fastidio e la presenza di un “anello grigiastro” visibile sulla superficie corneale in corrispondenza della zona trattata; tale anello scompare progressivamente a seguito del processo di completa riepitelizzazione.]

Inoltre poi c'erano degli allegati ( in inglese ) ma che credo ricalchino quanto riportato da Lory.
Che dirvi ,io sono il primo ad essere felice quando la scienza cerca ,sperimenta soluzioni alla nostra malattia che per il momento resta incurabile definitivamente,però attenzione a fare da " cavia" ,perchè gli occhi non sono come i pneumatici delle auto ,se la vulcanizzazione non produce il risultato desiderato diciamo poco male uno i pneumatici li riacquista nuovi in qualunque posto ,gli occhi anche se ne abbiamo D U E ( e ci servono entrambi ) non si riacquistano da punte parti, e se poi come altre soluzioni sperimentali questa
" vulcanizzazione " dovesse precludere la possibilità successivamente di poter tornare ad applicarsi le LAC o la nostra ultima chance quella del trapianto di cornea, bèh io ci andrei molto molto cauto.
Un saluto a tutti, da Massimo appena rientrato da Lyon per il controllo.
:OL:

_________________
MASSIMO
( Lyon )


CHERATOCONO


mercoledì 28 marzo 2012, 19:29
Profilo
Affezionato
Affezionato

Iscritto il: mercoledì 30 maggio 2007, 23:56
Messaggi: 641
Località: Cuneo
Messaggio Re: Trattamento Keraflex
grazie massimo!
mi ero persa il tuo passaggio..molto interessante
ma nessun altro in italia la sta provando sta tecnica?!

_________________
Betty74
CHERATOCONO


mercoledì 28 marzo 2012, 19:48
Profilo
Utente attivo
Utente attivo

Iscritto il: giovedì 19 gennaio 2012, 16:39
Messaggi: 45
Messaggio Re: Trattamento Keraflex
salve a tutti
volevo riportare un paio di link a tema su questa nuova tecnica e provare a dire la mia.
inizio con incollarvi questo: http://www.ilmo.it/web/pagine.asp?id=155&lg=1
di cui vi quoto questo passaggio per comprendere bene il funzionamento:
"Il trattamento Keraflex consiste in una termocheratoplastica (ossia in un ri-modellamento della superifice corneale ottenuto tramite energia termica) realizzata tramite l'impiego di un flusso di microonde, calibrato secondo le specifiche esigenze visive del paziente. Le microonde, dirette verso l'area corneale interessata dal cheratocono, causano un restringimento delle fibre di collagene che quindi collassano e causano un appiattimento della cornea. Da qui il nome Keraflex, ad indicare appunto la flessione della superficie corneale."
Lo riporto giusto per chiarire che la cornea viene riscaldata per far collassare le cellule dello stroma che poi nei mesi successivi si adeguano alla nuova geometria (il cross viene effettuato solo per nn far 'muovere' la cornea nei mesi successivi all'operazione che sono di assestamento) e nn, come forse avete inteso voi, che la cornea viene 'sciolta' col calore e poi modellata come fosse una plastica )))
Per quanto riguarda la funzione del cross nel keraflex potete dedurre da voi vedendo questo link: http://www.wellingtoneyeclinic.com/medi ... oconus.pdf preso dalla clinica inglese che già effettua il keraflex che mette a confronto proprio i risultati tra keraflex con cross fatto nello stesso istante e keraflex con cross fatto un mese dopo.
Poi vi allego anche il classico link al video di youtube che fa vedere l'operazione del keraflex: http://www.youtube.com/watch?v=xXwvaFga ... re=related
Sinceramente io sono stupito da questa tecnica di termobiomeccanica in quanto è davvero all'avanguardia. è più sicura del laser in quanto nn riduce ne lo spessore corneale nè intacca la resistenza bio-meccanica della cornea (importantissimo; nn escludo che si possa ripetere più volte questa operazione).
Cmnq mi chiedo: ma è dal 2009 che hanno iniziato a sperimentare e negli anni avedro ha venduto i diritti di utilizzo in ogni parte del mondo, con conseguente ottenimento del marchio ce (http://www.wallstreetitalia.com/article ... edera.aspx) però siamo nel 2012 e siamo ancora a niente???
Da come si legge in rete all'estero si è già nella fase che ha già visto il cross linking nei suoi primi anni di utilizzo ma in italia nn se ne parla quasi per niente.
Il paziente che è stato operato a Brescia nn è iscritto al forum??? Il suo feedback sarebbe prezioso.

Voi cosa ne pensate??
Ps. se ho frainteso qualcosa di questa tecnica me ne scuso in anticipo


mercoledì 11 aprile 2012, 9:55
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 24 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Vai a:  
Copyright 2004-2010 ASSOCIAZIONE MALATI CHERATOCONO ONLUS © A.M.C.
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it