FORUM Associazione A.M.C. - Leggi argomento - un altro caso di rottura della cornea dopo rk

 




Rispondi all’argomento  [ 25 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2
un altro caso di rottura della cornea dopo rk 
Autore Messaggio
Fondatore AMC
Fondatore AMC
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 31 gennaio 2005, 13:28
Messaggi: 970
Località: malcesine (Verona)
Messaggio 
pauraaaaaaaaaaaaaa ....ti ha morso un sarpente velenoso???????????????????????? se è cosi credo che adesso sia morto :D :D



Cita:
1) non mi sembra di averti detto che da te e' tutto rose e fiori so benissimo che non sei in vacanza a cazzeggiare.


la parte impegnativa l'ho passata in questo ultimo mese l'idea è propio quella di cazzeggiare (aspetto ancora una sett.che tolgono i punti alla piccola e ricomincia il divertimento :D :D



Cita:
2)il motivo per cui non do i 20 euro non e' perche' ho risentimenti verso qualcuno, anzi, il mio motivo l'ho spiegato ad una persona e basta e non sei tu.


prrrrrrrrrrrrrrrrr :D :D

Cita:
3)se ho lasciato il forum per 15 giorni e poi sono tornata sono fatti miei e non mi interessa se a te va bene cosi' o no.possono esistere pause di riflessione? non ho letto niente che vieti questo.


2 volte prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr :D :D


Cita:
4)non conosco il termine "rimbeccare" ne vorrei conoscere il significato.


apposta te lo dico rimbeccare dalle mie parti equivale ad avere uno scontro verbale in più ci aggiungo un terzo prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr :D :D


Cita:
5)non ti ho mai definito un pirla per cio' che fai perche' ho rispetto delle scelte di ognuno e anzi mi da fastidio che tu ti definisca cosi' perche' allora mi vengono dei dubbi. se io faccio una cosa e' perche' sono felice di farla e perche' ne sono anche pochino capace di conseguenza ne vado fiera e invece di definirmi pirla mi definisco l'opposto


si ....sicuramente il tuo modo di vedere le cose è sicuramente più comodo del mio ...io non faccio le cose che sono felice di fare ...faccio le cose che reputo giuste prescindendo il fatto se queste mi possano portare anche dispiaceri in più se considero una cosa giusta sono anche disposto a imparare cose nuove per migliorarmi.
ecco perchè reputo che il pirla sono io e non tu ...e sicuramente mi conosco meglio di chiunque altro.

scai a scritto

Cita:
Non sono un pessimista, ma al contrario di Max e Pa36 che forse sono rimasti un pò delusi, non mi aspettavo affatto di avere 300 iscritti.


piccola corezione .....io mi aspetto ancora 300 iscritti .....volenti o dolenti
non abbiamo alternative

SE NON CI MUOVIAMO NOI AFFETTI DALLA PATOLOGIA CHI SI MUOVERA' PER NOI?

comunque adesso chiudo .....mi aspetta una sauna e un massaggio .....in seguito nuotatina nell'oceano + serata al ristorante.

@alessandra ...che dici sarà per questo che i miei toni sono meno velenosi dei tuoi :D :D baci dalla Thailandia


venerdì 6 gennaio 2006, 9:38
Profilo
Guru
Guru

Iscritto il: lunedì 1 agosto 2005, 12:51
Messaggi: 1505
Località: Firenze
Messaggio 
le pernacchie sono simbolo di mancanza di linguaggio...o in questo caso...mancanza di argomenti per affermare che non ho ragione...inoltre max.......non sono velenosa..o perlomeno se sono cosi' non e' perche' e' un periodo o perche' sono gelosa..io sono cosi' sempre.
non vorrrei cambiare una virgola di tutto cio' che sto vivendo..quindi puoi stare tranquillo in thailandia...non ti invidio...... :wink:

_________________
" avere la serenità per accettare le cose che non posso cambiare, il coraggio e la forza per cambiare quelle che posso cambiare e la
saggezza per conoscere la differenza tra le une e le altre e intravedere le
scelte dove pensavo non ce ne fossero.”


venerdì 6 gennaio 2006, 14:11
Profilo
Fondatore AMC
Fondatore AMC
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 31 gennaio 2005, 13:28
Messaggi: 970
Località: malcesine (Verona)
Messaggio 
:D :D bla bla ...bla bla..... bla bla :D :D
:twisted: :twisted: azz... sembri mia moglie :oops: :cry:
:D :D bacioni e pace :D :D


venerdì 6 gennaio 2006, 17:49
Profilo
Guru
Guru

Iscritto il: lunedì 1 agosto 2005, 12:51
Messaggi: 1505
Località: Firenze
Messaggio 
Ti merita fare pace :evil: :evil: :evil: altrimenti boschetto incolto per Attila :evil: :evil: :evil: :evil: :evil: :evil:

_________________
" avere la serenità per accettare le cose che non posso cambiare, il coraggio e la forza per cambiare quelle che posso cambiare e la
saggezza per conoscere la differenza tra le une e le altre e intravedere le
scelte dove pensavo non ce ne fossero.”


venerdì 6 gennaio 2006, 21:15
Profilo
Sostenitore AMC
Sostenitore AMC
Avatar utente

Iscritto il: martedì 23 agosto 2005, 19:01
Messaggi: 3764
Località: Genova
Messaggio 
A me questo forum ha dato tantissimo, qcosa che vale MOLTO MA MOLTO DI PIU' che 20 euro...Spero di riuscire a dare anche solo la metà di quello che ho ricevuto e, credetemi, sarebbe già tantissimo!!!! Purtroppo in questi giorni ho un pò di difficoltà a venire sul pc perchè sull'occhio operato non posso più mettere la mia lac e non posso esagerare con l'altro, per cui mi limito a rispondere velocemente qua e là ma appena la situazione migliorerà cercherò di fare un pò di più per questa fantastica associazione che ha reso questa periodo davvero durissimo molto più accettabile! Mi sembra che parlare di soldi sia un pò riduttivo, davvero....

_________________
Marta

Siamo tutti angeli con un'ala soltanto...solamente abbracciandoci riusciremo a volare!

TRAPIANTO PERFORANTE OS: 22-12-2005
TRAPIANTO PERFORANTE OD: 06-02-2009


sabato 7 gennaio 2006, 18:09
Profilo
Utente anziano
Utente anziano

Iscritto il: venerdì 28 gennaio 2005, 14:18
Messaggi: 173
Località: italia
Messaggio 
Salve.
Sono appena rientarto dalle vacanze, tra l'altro pure malato ( che sfortuna :cry: ) e mi ritrovo a leggere di polemiche che non servono assoluatmente a niente. Almeno questo è il mio parere!!
Dunque, provo a procedere con ordine.
E' assoluatemente vero che un trauma contusivo importante possa fare " aprire" una cornea operata di RK.
Partendo da questa ossrvazione posso, sulla base della mia esperienza professionale personale e su quella di tutti i chirurghi che operano sulla cornea, fare le seguenti osservazioni.
Lo stesso fatto si può produrre, anche molto più facilmente, su di una cornea operata di chertoplastica perforante, anche a distanza di anni dall'operazione.
La stessa cosa può accadere ad un occhio, affetto da cheratocono e non operato in alcun modo, se lo spessore sull'apice del cono è ridotto.
La stessa cosa può accadere ad un occhio " normale" che abbia avuto un trauma con l'air bag ( ancora molto più facile ad aversi se si utilzzano occhiali da sole o da vista). Se non mi credete potete sempre leggere le istruzioni che esistono nel libretto dell'auto che possedete.
Quello che voglio dire è che tutte le tecniche chirurgiche che utilizziamo, compresi gli "anellini ", comportano dei rischi se i nostri occhi subiranno dei traumi dopo un intervento.
Tutti i chirurghi sanno che una cornea è spessa, se normale, circa 500-550 micron, e che, di conseguenza, essa è notevolmente a rischio in caso di traumi.
Però questo non significa che noi non si debba, di conseguenza, operare un occhio che necessiti di operazione!
Ai bambini che hanno bisogno di correzione ottica ( occhiali) prescriviamo lenti infrangibili perchè così diminuiamo il rischio che i loro occhi siano feriti da frammenti di lente in caso trauma che coinvolga gli occhiali. Ho detto dimunuisca, non scompaia, il rischio perchè questo è sempre presente. Cosa dovremmo fare?
Non utilizzare gli occhiali? E' chiaramente impossibile.
Li usiamo consci che esiste un rischio, sia pure minimo, che siano essi a provocare dei danni.
Lo stesso vale per gli air bag della auto e per le cheratoplastiche, perforanti o lamellari che siano.
La Mini ARK non è un miracolo nè un detersivo che funziona meglio di un altro; è una metodica che serve, in alcuni casi e non in tutti, a superare il problema cheratocono.
Non esistono, da parte mia, prevenzioni verso le cheratoplastiche, è solo che esse si rivolgono ad una " fetta" di pazienti affetti da cheratocono ma non è consigliabile per tutti. Infatti nessun chirurgo che la impieghi si sognerebbe mai di consigliarla a chi abbia ancora uno stadio I° o II°.
Anche qui, se ci pensiamo, è chiaro che esiste una motivazione per questo atteggiamento; vuolel semplicemente dire che esistono dei rischi che è sciocco affrontare in questa fase.
Se poi la medicina ci fornische, col progresso, delle tecniche nuove come il X-linking, evviva il cielo!!. saremo tutti felici di potere bloccare tale problema con tale sistema. Anche per l'ulcera gastrica una volta si operava e si asportava una parte dell stomaco ( con tanti problemi, poi è arrivato il farmaco anti ulcera e non si opera praticamente più!!
Meno male :D :D
Non creiamoci problemi e paure non necessari; è chiaro che è meglio non prendere "botte" su un occhio operato, però è anche vero che è bello vederci meglio di prima, non importa se con la MARK o con la cheratoplastica o con gli anellini!!!
Per quanto riguarda la differenza tra soci sostenitori, fondatori etc. etc.
ammetto di non avere capito molto.
Potete per favore spiegarmi meglio?
Auguri a tutti.
Marco Abbondanza

_________________
dr. Marco Abbondanza


lunedì 9 gennaio 2006, 21:35
Profilo WWW
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 3 gennaio 2005, 15:06
Messaggi: 2109
Località: Napoli
Messaggio 
Cita:
Potete per favore spiegarmi meglio?


Art. 7. I soci di dividono nelle seguenti categorie:
a. fondatori
b. ordinari
c. sostenitori
d. onorari

Soci fondatori sono coloro che hanno fondato l'Associazione sottoscrivendo l'atto costitutivo;
Soci ordinari sono coloro che, condividendo le finalità dell'Associazione operano per il loro raggiungimento, secondo le proprie capacità personali e sottoscrivono le quote associative.
Soci sostenitori , sono i soci che si distinguono per il sostegno all'Associazione tramite versamento di contributi volontari superiori alla quota associativa fissata dal Consiglio Direttivo.
Soci onorari sono quelle persone alle quali l'Associazione deve particolare riconoscenza: vengono nominati dall'Assemblea Ordinaria, su proposta del CD. I soci onorari sono esentati dal pagamento di qualsiasi contributo, pur godendo di tutti i diritti degli altri tipi di soci.



http://www.associazionecheratocono.it/? ... =iscriviti
Se volete aiutarci potete:
iscrivervi all'Associazione A.M.C. in qualità di Socio Ordinario pagando la quota di 20 €
iscrivervi all'Associazione A.M.C. in qualità di Socio Sostenitore pagando un qualsiasi contributo superiore alla quota associativa (maggiore di 20 €)
effettuare donazioni a vostro piacimento e in qualsiasi misura, senza iscrivervi! N.B.: La legge (D.Leg.vo 460/97) riconosce detrazioni fiscali a chi effettua a mezzo banca o posta erogazioni liberali a favore delle Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale (ONLUS).

_________________
“Live Together, Die Alone”


lunedì 9 gennaio 2006, 23:28
Profilo
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: martedì 25 gennaio 2005, 17:04
Messaggi: 2163
Messaggio 
gent.le dott. abbondanza, torno un 'ultima volta sull'argomento che
infelicemente ho sollevato (viste le reazioni).
concordo in tutto ciò che scrive, perchè è esattamente ciò che intendevo esporre, soltanto ci tenevo a sottolineare che la teoria per la quale una
incisione sia essa radiale, assiale, circolare o tangenziale , rafforzi una cornea sana o patologica che essa sia, è falsa, ma al contrario le incisioni
(tutte) rimangono un punto critico per tutta la vita.
credo che sia necessario discutere in questo senso dato che"alcuni" basano
le loro incomprovate teorie su queste false convinzioni.
(a patto che auspicabilmente , non si dimostri il contrario con dati di fatto).
Cita:
La stessa cosa può accadere ad un occhio, affetto da cheratocono e non operato in alcun modo, se lo spessore sull'apice del cono è ridotto

pensiamo allora a quando si associa questa condizione ad un intervento incisionale


martedì 10 gennaio 2006, 11:12
Profilo
Utente anziano
Utente anziano

Iscritto il: venerdì 28 gennaio 2005, 14:18
Messaggi: 173
Località: italia
Messaggio 
Salve.
Eccomi di ritorno dalla sala operatoria.
Rispondo alla domanda su come le cicatrici possano rinforzare, o indebolire, una cornea affetta da cheratocono, ponendo, a mia volta, una domanda o meglio una riflessione.
Vi descrivo cosa veniva fatto, in passato :shock: , quando si aveva a che fare con una cornea "assottigliata" ( non si sapeva ancora cosa fosse un cheratocono) e non esisteva ancora la cheratoplastica.
Diciamo alla fine dell'ottocento o primi del novecento.
Vi prego di non inorridire ma è la realtà di quei tempi.
Al fine di evitare la rottura della cornea e le conseguenti infezioni che avrebbero comportato l'enucleazione del bulbo ( non esistevano gli antibiotici e le infezioni portavano conseguenze estreme :cry: ) si procedeva alla cauterizzazione della cornea.
In altre parole si utilizzava uno strumento dotato di manico al cui estremo era fissata una " pallina" di argento. Si poneva questa pallina su di un fornelletto ad alcool e la si riscaldava alla giusta temperatura quindi si poggiava questa pallina sulla cornea, lì dove era assottigliata, e si produceva una cicatrice, opaca.
Questa cicatrice impediva, ovviamente, la visione ( ma questa era già ai minimi termini) però produceva un irrobustimento del tessuto patologico.
Le stesse lenti a contatto, ai giorni odierni, spesso ( se abusate) producono un leucoma ( che altro non è se non una cicatrice opaca ) con vistosissimi assottigliamenti della cornea, però questi leucomi sono anche robusti a sufficienza a garantire una quelche tenuta.
Comunque, non vi preoccupate, la medicina è progredita a tal punto che facciamo più queste cose.
Pensate, non esisteva neppure l'anestesia :shock:
Tanti saluti a tutti.
Marco Abbondanza

_________________
dr. Marco Abbondanza


martedì 10 gennaio 2006, 18:50
Profilo WWW
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: martedì 25 gennaio 2005, 17:04
Messaggi: 2163
Messaggio 
ahhh!! che bello discutere di cose concrete!! :lol: :lol:
a questo punto nasce spontanea una riflessionne:
prendiamo per acquisito il concetto che un ustione di alto grado comporti la formazione di tessuto fibroso più spesso e resistente del normale,
( del resto esistono molti trattamenti , che si basano su questo concetto,
utilizzati in campo medico e non solo in oculistica.)
abbiamo chiaro quindi, come la cornea reagisca a questi insulti formando un nuovo tessuto "protettivo" e che questo si sovrapponga al sottostante danneggiato.
ciò lascerebbe intuire, che un incisione dovrebbe comportarsi all'incirca in maniera analoga, e che l'esito di un intevento incisionale, lasci una cicatrice di maggiore resistenza e di maggiore spessore ,(questo spiegherebbe in parte, la difficoltà, ove necessario ,di applicare lac denunciata da taluni autori.)
ciò che resta inspiegabile è la ragione per la quale un urto (anche di media entità) provochi una lacerazione nella zona incisa e non nel tessuto normale, che dovrebbe risultare più debole.
(forse la mancanza di elasticità del tessuto corneale atrofico, caratteristica fondamentale invece della cornea cosìdetta sana?)
e come spieghiamo la perenne istabilità che ha portato all'abbandono dell'intervento di rk?.( forse una diversa reazione di quella ipotizzata prima
a carico dello stroma più profondo?).
come mi piacerebbe capire!!!! :cry: :cry:


mercoledì 11 gennaio 2006, 13:05
Profilo
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Rispondi all’argomento   [ 25 messaggi ]  Vai alla pagina Precedente  1, 2

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Vai a:  
Copyright 2004-2010 ASSOCIAZIONE MALATI CHERATOCONO ONLUS © A.M.C.
Powered by phpBB © 2000, 2002, 2005, 2007 phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it